Personale

Periodo inquieto

Periodo inquieto. Una costante sensazione di tristezza pervade questi giorni. Un assedio, un mare scuro ed oleoso: catrame. Molti eventi quotidiani rendono questa tristezza solida e tangibile; fatti che non ti sfiorano bensì ti trapassano e spezzano. Dentro sei “malinconico”. Non si riesce a capire dove dirigere i pensieri; come superare questo lungo tempo cupo. Mi piacerebbe poter dire che siamo in un periodo di passaggio, attenuando il fardello che mi opprime: una sensazione di tragedia ineluttabile. Potesse esserci la speranza a mitigare il mare di tristezza che provo! Ma non si riesce neppure a concepire una fine.

(parte seconda)
Accade qualcosa di inaspettato che pare estrarti dal catrame che impedisce il volo. In verità scopri che il fatto inaspettato è proprio lì per ricordare che, in quanto eccezionale, la tua realtà è catrame nell’anima. Così torna ad assalirti quella melanconia in cui sembra normale e bello crogiolarsi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *