Società

Ordinario degrado

Non c’é giorno che non si proponga una prova del degrado di questa nostra società. Questa mattina un “fenomeno” scende dalla macchina lasciandola in moto: segno di ignoranza e maleducazione in barba a tutti i cartelli che, ai passaggi a livello, invitano allo spegnimento dei motori (scusatemi, é vero non eravamo ad un passaggio a livello!). Ma è dove ha parcheggiato che fa la vera differenza: un metro davanti alla porta di accesso al bar, rendendo difficoltosa l’uscita dallo stesso. Il primo impulso è stato quello di rigare la macchina con le chiavi della mia macchina. Ma la mia macchina non ha la chiave! Che peccato! Il secondo impulso é stato quello di rientrare nel bar pronto alla lite, ma ero con uno dei figli e non intendo dare spettacolo davanti a loro, spettacolo discutibile fra l’altro. Stendo un velo pietoso sul padrone del locale che oggi, come già in passato, non ha fatto una piega servendo la colazione al “fenomeno”. L’ennesimo campione di educazione civica e probabilmente padre: mi chiedo cosa insegnerà ai figli e con che coraggio insegnerà loro una educazione; l’ennesima dimostrazione che, se il mondo è allo sfascio, non è certo colpa dei comportamenti dei nostri ragazzi. La colpa è tutta nostra! Assicuro che se lo stesso fosse accaduto davanti al bar del rione dove sono cresciuto (rione di case popolari) quella macchina non arriverebbe a fine settimana e si parlerebbe di degrado delle periferie. A volte mi chiedo cosa sia servito emanciparmi da quegli “ambientini” per vivere in questo degrado “perbene”. Mi rendo conto di come sia sempre più difficile fare il padre, ma anche il cittadino e di come tanti piccoli eventi di questo tipo ci stiano avvelena.

Parte II

Dopo due giorni racconto l’accaduto e le mie considerazioni. Noto che l’interlocutore mi osserva con una smorfia che pare dire “sei proprio uno pesante”. E mi parte la voglia di mandarlo a quel tal paese; mi fermo e smetto di parlare; saluto e riprendo la mia strada verso il lavoro. Ho ragione: ordinario degrado.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *