Blog

Scrivere un blog personale

Scrivere un blog personale è mettersi in mostra con sé stessi, mettersi alla prova, ma spesso é  decomprimersi

Sono sostenitore del blog personale, come strumento personale, a cui arriva il visitatore occasionale. Amo quel blog che racconta l’autore, quello dove un commento apra una discussione, un confronto, quello che diffonde una sensazione o un’idea. Io scrivo quindi un ghost blog. Non uso plug-in per il posizionamento nei motori di ricerca e non posto su FB (solo su twitter). Qualcuno gestisce un blog condiviso, piazza di raccolta per collaborazioni e confronti, qualcun altro ne gestisce uno a sfondo professionale, ma credo che ogni autore dovrebbe mantenere anche un blog personale per sperimentare, depositare bozze, pensieri, magari da recuperare più avanti per nuovi progetti o per un ripensamento ed un ritorno (dato che la vita scorre, cambia, ma a volte ritorna). Non é facile tener fede all’impegno di un blog, che per me è aver qualcosa da scrivere, possibilmente di sensato. Esiste una marea di blog personali, con l’intento semplicemente “diaristico”, ed é piacevole “navigare”, scoprirli e leggerli: squarci di umanità veicolati nel cyber-spazio ma tanto concreti da poter essere un po’ anche miei.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *