Racconto

Le Sirene sono una notte di birra

E sono di guardia questa notte. Solo musica dolce, un po’ malinconica che non guasta, ma niente birra. Non ho ancora voglia di coricarmi. Attesa. Isolato dal mondo ma in pieno mondo, in piena attività. Stand-by. Ho perso il conto delle notti passate a lavorare e attendere. Non ci si abitua mai e oggi ancor meno vista la rarità, per me, di questo evento. Mi assalgono ricordi fotografici di notti con la neve fuori dalla finestra e il suo rumore sotto le scarpe mentre mi sposto verso il reparto che ha richiesto il mio intervento. Notte di cene improvvisate ad orari incredibili. Notti passate nel reparto di A. per poter stare un po’ insieme. I volti dei Pazienti sofferenti e poi stremati ma salvi. Pazienti che nella notte si sono spenti per sempre e la mia ultima carezza. Le agitazioni, i pianti e le grida di anziani. Un mondo ai più sconosciuto ma per noi medici, infermieri e operatori non solo noto ma carico di sensazioni ed odori inconfondibili e “incisi” indelebili dentro. Ho voglia di birra.

Da leggere ascoltando “Le Sirene” – Vinicio Capossela.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *