Genitorialità

Lasciar perdere i dettagli

Come si fa ad essere genitore soprattutto ora che i figli sono maggiorenni? Chissà quanti se lo chiedono e senza uno straccio di valida risposta. Tendo ad essere molto cauto e riflessivo ogni qualvolta devo intervenire nelle questioni proposte dai ragazzi o su quelle a me  più care. La mia “modalità imperio” si fa sempre più debole e io stesso cerco di non utilizzarla, se non come estrema ratio. In genere cerco di osservarli ed interpretarli “da lontano” senza entrare nel dettaglio, ma avendo ben presente i punti fermi, imprescindibili, da soddisfare: impegno, costanza, onestà, un pizzico di altruismo, rispetto, ma anche gioco e svago, amore e amicizia. Poi lascio che scelgano: non importa se non conosco il dettaglio, sono loro a doverlo conoscere e spetta a loro lavorare per costruirsi delle convinzioni ed un futuro. Io sono qui per fornire aiuto e sostegno. Del resto io stesso mi sono occupato del mio futuro, con gli studi, con le relazioni, con il solo sostegno economico dei miei, niente altro.  Io li voglio sostenere anche moralmente, ovunque decidano di “andare”. Questo penso sia l’essenza di questa nuova fase genitoriale: osservazione, colloquio e sostegno. Il resto verrà da se, credo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *