Società

La profilazione

Guadagnare centesimi venendo profilati: una possibilità di business altrui per pochi spicci e volontariamente da parte di chi partecipa a siti di sondaggio online. Si tratta di una vera cuccagna, una miniera, per chi si occupa di marketing. Questo tipo di profilazione viene ad affiancarne altre: quelle legate all’utilizzo dei social media o social networks e a quella legata alla presenza di cookies durante la navigazione in internet. Tutti modi per tracciare e profilare le nostre caratteristiche familiari e sociali, i nostri interessi e le tendenze al consumo o le abitudini finanziario-assicurative. In un sito di sondaggi (retribuiti in genere un centesimo di euro a punto e riscattabili ogni 1000 punti) ti iscrivi e vieni immediatamente e letteralmente bombardato dai primi sondaggi che sondano te, il target principale, anche se pensavi di occuparti di sondaggi di natura commerciale, politica o di altro. Sei tu il target. Tutti i tuoi dati su famiglia, casa, finanza, lavoro, istruzione, reddito, servizi online e non di cui eventualmente usufruisci: tutto per una manciata di centesimi. Come sono entrato, così ho annullato l’iscrizione. Ma ho capito quanto interesse ci sia su di me (non su di me in quanto tale) ai fini di marketing, applicabile a qualsiasi tipo di interesse: vendite di beni o servizi principalmente,  ma anche studi di settore, opinioni politiche o altro. Tutto è sondabile e dove c’è un dato sondato ci sarà un business che ne farà uso. Se questi dati sono così utili, e lo sono, allora andrebbero pagati adeguatamente. Personalmente penso sia meglio comunque non condividerli. Non c’è nulla di più chiarificatore di una iscrizione ad uno di questi siti (uscendone dopo il primo sondaggio, senza completarlo). Siamo carne, carne da macello. Non importa nulla del nostro destino se non a fini commerciali, politici e di consumo.  Siamo target e siamo fonte. Non siamo noi per la nostra unicità ma per quel che siamo come dati aggregati e come acquirenti. Meditiamo.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *