Le giornate sono sempre ed inevitabilmente uguali, sembra che nulla possa cambiare e che lo scorrere della vita mi conduca, monotono, all’exitus. Trovo a tratti piacere per questo e a tratti disperazione. Mentalmente organizzo radicali cambiamenti al mio stile di vita e, razionalmente, ne valuto la attuale mancanza di fattibilità. Rimbalzo mentalmente fra il quotidiano ed il futuribile e questo mi tiene a galla, salvo poi regalarmi vera frustrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *